Come scelgo la coperta

(9)
Pubblica un commento

Come scelgo la coperta

La scelta della coperta è determinante per proteggere con efficacia il proprio «compagno» dal freddo. È preferibile scegliere una coperta adatta alle temperature e alle condizioni di vita del cavallo. Un cavallo tosato avrà bisogno di una protezione differente rispetto a un cavallo non tosato e un cavallo nel box avrà necessità diverse da un cavallo che resta al pascolo.

 

La taglia di una coperta si sceglie in funzione dell'altezza del cavallo al garrese; per un cavallo di altezza:

  • tra 1,20 e 1,30 cm, scegliere la taglia 115 cm (5'3").
  • tra 1,35 e 1,50 cm, scegliere la taglia 125 cm (5'9").
  • tra 1,50 e 1,60 cm, scegliere la taglia 135 cm (6'0").
  • tra 1,60 e 1,70 cm, scegliere la taglia 145 cm (6'3").
  • tra 1,70 e 1,80 cm, scegliere la taglia 155 cm (6'9").
  • superiore 1,80 cm, scegliere la taglia 165 cm (7'0").

Scegli sempre la coperta della taglia giusta: troppo piccola, il cavallo rischia di strapparla; troppo grande, la coperta rischia di ruotare. Anche la regolazione delle cinghie incrociate (sottopancia) è importante. Per non creare fastidi al cavallo, non le si deve tendere troppo; tuttavia, se lasciate troppo morbide, rischiano di spostarsi pericolosamente.

Le corregge delle cosce, dovranno essere ben regolate, ossia né troppo morbide né troppo tese: impediranno alla coperta di scivolare di lato.

 

1) Cavallo nel box

Il cavallo nel box avrà bisogno di una protezione dal freddo perché i movimenti consentiti non gli permetteranno di sprigionare abbastanza calore da proteggerlo.

Per il cavallo tosato, si consiglia di usare una coperta da scuderia calda (300 g minimo). La coperta da scuderia non deve necessariamente essere impermeabile; piuttosto, dovrà essere traspirante per assecondare la traspirazione del cavallo. Se il cavallo ha l'abitudine di passare la giornata all'aperto nel paddock, non esitare a coprirlo con una coperta impermeabile e resistente.

Quando le temperature raggiungono i picchi più bassi, per garantire più calore, alcuni cavalieri aggiungono una coperta leggera di pile sotto la coperta esistente. Per il cavallo non tosato, una coperta da scuderia leggera (200 g) e traspirante sarà sufficiente a proteggere il cavallo in caso di freddo pungente. Ovviamente, se il cavallo è malato o anziano, la resistenza non sarà la stessa e bisognerà adeguare la protezione allo stato di salute.

 

2) Cavallo al pascolo

Il cavallo può tranquillamente passare l'inverno senza coperta se dispone di un riparo per proteggersi dalle intemperie. Un cavallo al pascolo è in movimento quasi permanente, ciò gli permette di sprigionare un po' di calore naturale.

Se decidi di coprire il cavallo, è indispensabile scegliere una coperta impermeabile, resistente e senz'altro traspirante. Per una migliore libertà di movimento, le coperte da «pascolo» sono spesso provviste di soffietti di libertà all'altezza delle spalle. Infine, poiché i cavalli hanno l'abitudine di rivolgere il dorso alla pioggia, una patta paracoda offrirà una protezione ottimale.

 

3) Trucchi

  • per capire se il cavallo è ben protetto dal freddo, infila la mano sotto la coperta: se la pelle è fredda, il cavallo non è abbastanza protetto.
  • ricorda  di togliere le coperte progressivamente per evitare shock termici.
  • ricorda di pulire regolarmente le coperte: una coperta sporca può provocare un'irritazione della pelle.
  • non esitare a reimpermeabilizzare le coperte da esterno con un prodotto apposito.
  • per evitare l'usura del pelo all'altezza del petto o dell'incollatura, sono disponibili coprispalle in lycra.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vota
Lasciare un'opinione
INIZIO PAGINA